mixinart 2009 expo arte per la pace 900x200

11 - 14 novembre 2009

Pistoia - Sale Affrescate - Palazzo Comunale - Piazza Duomo

L'Arte per la PACE 2009

Maggiori Info > www.marciamondiale.org

Gli Artisti:

  • Massimo Biagi
  • Matteo Caldirola Settesoldi
  • Daniele Capecchi
  • Carlo Chiavacci
  • Andrea Dami
  • Mario Girolami
  • Gruppo Progetto Karibu
  • Luciano Barale
  • Amerigo Folchi
  • Giordano Pini
  • Maurizio Pini
  • Dario Longo
  • Aldo Lurci
  • Giusi Maccarrone
  • Silvia Percussi
  • Stefania Puntaroli
  • Luigi Russo Papotto
  • Claudia Salvadori
  • Massimo Talone
  • Associazione Culturale PSDRevolution

 

Artisti per la pace

Una città che non respira proprio un’aria di pace, in un momento storico che non lascia illusioni, in mezzo ad una crisi che mostra chi siamo veramente e cosa siamo capaci di combinarci come genere umano. Un evento di carattere globale, come la Marcia Mondiale della Pace e la NonViolenza (2 ottobre 2009 – 2 gennaio 2010). Un gruppo spontaneo di artisti e non, che decidono di segnare questa marcia con un evento che ha come collante proprio, una riflessione sul tema della pace. Un luogo storico - ‘le sale affrescate del palazzo di Giano’ – che la pace la trovano ora forse, dopo 8 secoli di passaggi burrascosi di ogni genere. Un altro luogo che la pace prova a costruirla tutti i giorni con il lavoro di chi lo gestisce – ‘Lo Spazio di Via dell’ospizio’ – e di chi alimenta la mente addirittura leggendo libri. Una piazza simbolo della socialità di questa comunità – ‘La sala’ – il nome stesso la definisce come luogo di accoglienza. 

Questi gli ingredienti, il collante di Artisti per la Pace Nessuna presunzione ‘alta o altra’ nessun accademismo salottiero, spesso ricco di verità inconfutabilmente autoreferenziate, nessuna intenzione di cambiare il mondo con una ‘collettiva’.

Solo un gruppo di 19/20 persone sensibili che mettono in gioco la loro poetica, la loro storia artistica e umana, concorrendo alla realizzazione di un evento capace di generare dialettica, di mescolarsi nella polis quanto basta per avviare qualche riflessione e qualche scambio di opinioni. - Di questi tempi è tanto - 

Se l’arte contemporanea oggi ha un qui ed ora, sta in questa condizione, fuori dal ‘contesto di mercato’, fuori dal contesto accomodante e selettivo dei ‘salotti illuminati’, dentro la realtà, quella in cui le persone camminano, s’incontrano quasi per caso ormai, senza più corpi propri. In tali condizioni, uno sguardo può fermarsi davanti ad un’opera, può cogliere con un piccolo interesse e sorpresa un segnale emotivo, può lasciarsi incuriosire e distogliere l’attenzione dalla quotidianità urlata, tele visionaria, così feroce da tenerci sempre più frequentemente lontani dal concetto di bello, perennemente incollati al necessario superfluo per sentirci vivi, può farci rallentare un attimo.

Bene se questo accade, allora l’arte segna, come un mesone in un sistema di equilibri fisici, la nascita di un processo di destabilizzazione di un singolo equilibrio, di più equilibri, forse di un sistema complesso di equilibri (o lobby) consolidati e attiva processi incontrollati capaci di ridestare i sensi.

Forse per questo il mesone, ancora oggi la particella più studiata e meno conosciuta, può attivare processi di relazione - capace di tenere uniti neutroni e protoni! Capace di innescare attività relazionali, in processi non chiaramente definibili.

Ecco perché la marcia mondiale per la pace e la non violenza, ecco perché un gruppo di artisti e non, che aderiscono sollevando leggermente la loro voce, destabilizzano solo alcuni giorni del globale/locale, ecco perché una ragione forte come manifestare la propria presenza scegliendo di esserci e di mettersi in gioco crea un evento artistico sicuramente, ma allo stesso tempo pacifista, naturale addirittura e forse di impoortanta sociale.

Vogliamo credere che attivare processi di dialettica, di relazione sia oggi una pratica consueta e comportamentalmente di proprietà del viaggiatore attento e desideroso di crescere, vogliamo credere che l’ascolto e lo scambio di relazioni tra palazzi, palazzinari, mercanti di guerra e polis sia ancora possibile in una comunità multietnica già creola come quella locale, ancora ricca di umano sentire. Vogliamo credere che l’arte possa mantenere un rapporto valoriale indipendente dal mercato e dalla politica e mantenere la sua condizione di essere linguaggio tra i linguaggi che prima di tutto parla ai sensi, per lasciare lo spazio di maturare e salirie fino alle menti.

Artisti per la pace è un’occasione di testimonianza civile di silenziosa presenza, di armonioso incontro tra solitudini ed esperienze individuali, che ha generato un modo diverso di esporre e di esporsi.

Massimo Talone

 

Maurizio Pini Opera:

mixinart arte per la pace piccolo mondo 900x599

Piccolo Mondo

Fotografia - stampa su carta adesiva laminata cm 128 x 160 - calpestabile

L’universo, quale l’astronomia ce lo rivela, è immenso. Quant’altro ci sia di là della portata dei telescopi, non possiamo dire; ma quella parte che non conosciamo è di inimmaginabile immensità. Nel mondo visibile la Via Lattea rappresenta un minuscolo frammento. In questo minuscolo frammento il sistema solare è una macchia infinitesima, e di questa macchia il nostro pianeta costituisce un puntolino microscopico. Su questo puntolino tanti minuscoli aggregati di carbonio ed acqua, dalla struttura complicata, e dotati di alquanto inusuali proprietà fisiche e chimiche, strisciano per pochi anni, fino a quando non tornano a dissolversi negli elementi di cui sono composti. Dividono il loro tempo tra il lavoro escogitato per posticipare il momento in cui ciascuno di essi si dissolverà, e frenetiche lotte per impedire quel lavoro agli altri esseri della loro specie. Convulsioni naturali distruggono periodicamente migliaia o milioni di essi, e le malattie ne spazzano via prematuramente un numero anche maggiore. Questi avvenimenti sono considerati disgrazie; ma quando gli uomini riescono a procurare con le loro stesse mani simili distruzioni, ne gioiscono, e ne rendono grazie a Dio.

(da Saggi Scettici, 1928)

Bertrand Russell

 

 

PACE in tutte le lingue del mondo

Okikiamgenoka Olakamigenoka Vrede Asomdwoe Salmu Ittimokla Utimokla Paqe Waki Ijiwebisi Waki Qiwebis Friede Selam Salaam Patz Ashkharh Khanaghutyun Shanti Hacana Here Baké Bakea Pardamean Fridn Pakoj Mutenden Shanti Shanti Pís Innaaissttiiya Innaihtsiiya Mir Spokoj Peoch Peoc'h Mir Goom-jigi Nyein Chan Yay Nyeinjanyei Peng On Paz Pas Gunnammwey Pau Kalinaw Minaggem Dohiyi M’tendere Nanomonsetotse Nanna Ayya He Ping, An Ping Achukma Aylobaha Gafuleya Kunammwey Tsumukikiatu Pace Paci Wetaskiwin Lapé Paix Pis Mir Mir Fred Sulh Musango Vrede Hetep Muka-muka Peace Peace Erkigsnek Paco Rahu Fridur Kutula Ashtee Solh Vakaçegu Rauha Vrede Fifa Paix Pais Fred Pâs Jam Síocháin Sìochaint Sith Sith Paz Frieden Thayu Eiphnh Irini Irene Eqqisaqatigiineq Nerane’i Pyguapy Shanti Pegdub Lumana Malu Maluhia Sipala Shalom Paghidaet Shantih Kevsibhaumxeeb Tai Peng Shi-Nu-Mu Sipala Bekè Fridur Friður Fridr Udo Chibanda Damai Tutkium Anusdake Sióchain Pace Heiwa Rukun Tentram Shanti Mir Tuktuquil usilal Soksang Santekphep Amahoro Amahoro Rój PeoningHwa Phyongh’wa Pyoung- wa Ilifayka Ashti Hasiti Mihs Wolakota Wowanwa Mitsumpun Santiphap Pax Miers Kimia Taika Panpi Emirembe Kali lintad Anachemowegan Fandriampahalamana Keamana Here Paci Linew Rangima’aire Rongo Uvchin Diakatra Aenomman Ets’a’an Olal Perdamiam Peyahtuke Yimowin Wôntônkóde Kupia Kumi Laka Onpek Beoto Enh Taiwain Bóoto Lâfí Echnahcaton Tlamatcanemiliztli K’é Shanti Eyewi Tecócatú Fred Nye Mtendere Bangan Bisaniwewin Hmetho Budech Nirudho Dodolimdag Amniat Sula Katahimikan Dodolimdag Yatanpa Pokoj Melelilei Paz Etokmitek Shanti Sula Casilla Qasikay Sérë Kiba-kiba Pace Pasch Nimuhore Amahoro Mir Dailama Rafaiduhhtit Filemu Shantih Paghe Pache Pachi Pasu Paxi Paci Pasi Pasci Pagi Pazi Patzi Avveniu Assentu Asseliu Sussegu Assussegu Arresettu Risettu Sith Mir Khotso Kagiso Runyaro Samaya Wo’okeyeh Kuthula Mier Mir Nabad Nabad-da Paz Saamaya Amani Usalama Fred Kapayapaan Mabuhay Hau Talwit Amaithi Samadaanam Nei Duslik Shanti Santiphap M’bukushi Sidi Zhide Li-k’ei Melino Kunammwey Nvwhtohiyada Khotso Baris Sulh Parahatcylyk Saq Mir Aman Amn Salaam Tinchlik Paxtem Hoa Binh Su Thai Binh Hedd, Heddwich Mina Gumund Uxolo Sholem Shulam Alaafia Sai Gaai Oh Ping Layeni Ukuthula

 

txt